emergenza covid

Cookie Policy

Questo sito Web utilizza i cookie necessari al suo funzionamento e necessari per raggiungere gli scopi illustrati nella politica sulla privacy. Accettando questo o scorrendo questa pagina o continuando a navigare, accetti la nostra politica sulla privacy.

Chiamaci

+39 392 905 9809



Apertura

Lun - Mar - Gio - Ven
9.00 - 12.30 e 16.00 - 19.30
Mer 16.00 - 19.30
Sab 10.00 - 14.00

Medicina Convenzionale

Costa poco (solo 16euro in Veneto), non fa male, è FONDAMENTALE!

microchip

 

 

 

 

 

Il Microchip può essere messo anche ai gatti, non è obbligatorio ma può essere utilissimo in caso si smarrimento!

 

 

 

 

 

 

 

Il Microchip nel cane è un obbligo di legge, ma non deve far paura, non serve anestesia, non fa male, non causa danni! Per impiantarlo è necessaria una semplice iniezione! Il Microchip è l'unico modo SICURO PER POTER COLLEGARE IL CANE A VOI IN CASO SI SMARRIMENTO  Cerchiamo di conoscere meglio questo dispositivo, grazie a questo articolo:

 

Dal 1991 è obbligatoria l'istituzione dell'Anagrafe Canina da cui deriva l'obbligo per tutti i cittadini italiani di dichiarare e quindi registrare il possesso di un cane presso l'Anagrafe Canina del proprio comune di residenza. L'iscrizione comportava l'assegnazione di un codice di lettere e cifre tatuato nell'orecchio o all'interno della coscia destra. Da alcuni anni si è passati ad un nuovo sistema di identificazione elettronica:
il microchip.
Il microchip è una minuscola capsulina realizzata utilizzando materiali che non provocano rigetto o fastidio che viene iniettata sottocute, in poche frazioni di secondo, nella regione sinistra del collo.

Il microchip emette un brevissimo segnale solo se "attivato" da un apposito lettore (in dotazione ai Servizi Veterinari delle ASL, ai veterinari liberi professionisti, alla Polizia Municipale e, naturalmente, agli accalappiacani). Sullo schermo di questo lettore appare una serie di 15 numeri, un codice unico al mondo che identifica:
- il paese in cui all'animale è stato iniettato il microchip
- il produttore del microchip
- gli ultimi sei numeri identificano l'animale e quindi i proprietari
Il codice costituisce un vero e proprio titolo di proprietà. Quel codice dice che voi siete la famiglia del vostro cane e che l'animale vi appartiene. Questo significa che nei confronti del componente animale della vostra famiglia avete sia dei diritti che dei doveri!

Si tratta quindi di un sistema di identificazione elettronica univoco e per legge DEVONO essere microchippati TUTTI i cani residenti nelle regioni italiane dove si usa questo sistema di identificazione, tra cui il VENETO. Indifferentemente che si usi il microchip o il tatuaggio TUTTI i cani DEVONO comunque essere registrati all'Anagrafe Canina (che è l'unico organo deputato per legge a registrare e gestire i dati) del luogo di residenza, entro 30 giorni dalla nascita o da quando se ne viene in possesso. Anche l'ENCI (Ente Nazionale Cinofilo Italiano) ora usa il microchip (e solo microchip ufficiali cioè quelli forniti dai Comuni o dalle ASL) come unica identificazione per i cani iscritti ai Libri Genealogici.

Unica eccezione fanno i cani contrassegnati con un tatuaggio ancora perfettamente leggibile. Possono rimanere senza microchip fintanto che il tatuaggio non presenta primi segni di illeggibilità. Ovvio che chi vuol veramente bene al suo cane lo fa microchippare anche se ha il tatuaggio leggibile. Per sicurezza!

E vanno "chippati" proprio tutti, anche i cagnetti, anche quelli piccoli, piccoli - quelli che stanno sempre in casa, quelli che poi inevitabilmente scappano per una porta lasciata socchiusa (e non avete idea di quante volte succeda).
E' buona norma verificare che dopo l'applicazione del microchip, il codice (controllate meticolosamente TUTTA la sequenza di 15 numeri) sia anche regolarmente inserito nella banca dati della vostra Anagrafe Canina. Per esperienza consigliamo VIVAMENTE di andare direttamente all'ufficio competente e verificare DI PERSONA l'avvenuta registrazione o chiedete al vostro veterinario di controllare.

Se avete smarrito un cane dovete per legge denunciare lo smarrimento (valido solo in forma scritta e solo se presentato presso l'Anagrafe Canina o il Comando dei Vigili Urbani) entro il terzo giorno dalla scomparsa (altrimenti rischiate una sanzione per mancata denuncia di smarrimento oltre ad una sanzione per "abbandono" se il cane venisse ritrovato, non importa se vivo o morto). La denuncia è valida solo se avviene in forma scritta: se non vi viene rilasciata un copia SCRITTA ma avete solo lasciato detto... è come se non aveste detto nulla. E' vostro dovere e diritto pretendere quindi una copia della denuncia! In caso di ritrovamento da parte di terzi e se avete esposto regolare denuncia di smarrimento avete così tutti i titoli necessari per provare davanti alla legge che il cane è vostro e che lo avete solo smarrito e non abbandonato.
PS: i microchip NON si scaricano...



Tratto da: http://www.enpapadova.it

Indicazioni scritte con l'aiuto del sito www.animalipersieritrovati.org

Pin It